A UDINE IL PRESIDENTE DI CONFINDUSTRIA BOCCIA. INTANTO, A LIVELLO NAZIONALE L’ASSOCIAZIONE DEGLI INDUSTRIALI PERDE ‘ISCRITTI’ DI PESO

Il presidente di Confindustria nazionale, Vincenzo Boccia sarà domani, lunedì, a Udine, davanti all’assemblea generale delle associate udinesi. La visita giunge in un momento in cui il ruolo di Confindustria ‘vale’ anche in vista del Referendum costituzionale. Anche da un recentissimo articolo de ‘L’Espresso’, si apprende che Boccia, si candida a votare il ‘sì’, in disarmonia, con altre, per così dire ‘correnti, dell’associazione degli industriali più propense a pensare che il sì al Referendum non cambi la situazione economica del Paese, con pil fermo al palo dal 2007. Una Confindustria che, a livello nazionale, perde pezzi ed iscritti di ‘peso’, come il gigante Kerakoll di Sassuolo (Mo), l’ultima a lasciare, dopo il ben noto addio di Fiat.

Francesca SchenettiA UDINE IL PRESIDENTE DI CONFINDUSTRIA BOCCIA. INTANTO, A LIVELLO NAZIONALE L’ASSOCIAZIONE DEGLI INDUSTRIALI PERDE ‘ISCRITTI’ DI PESO