MICHELE ORLANDO, TRIATHLETA, DOPO 18 ORE DI GARA TERMINA LA ICON LIVIGNO XTREME TRIATHLON

Michele Orlando di Carpacco (Ud), 45 anni, noto per la sua attività lavorativa presso la gastronomia Tosoni di Tolmezzo (Ud), è stato l’unico friulano a partecipare ed arrivare al 22emo posto, sui 50 concorrenti in partenza, all’Icon Xtreme Triathlon che si è recentemente svolta a Livigno.

unnamed-1-1
unnamed-2

Si tratta di una gara triathlon internazionale estrema che prevede l’esecuzione di diverse frazioni: la prima di 3,8 km di nuoto nel freddo lago di Livigno, un’altra in bicicletta per 195 km (su di un percorso di oltre 5.000 metri di dislivello positivo), 5 passi alpini, tra cui lo Stelvio, con i suoi 48 tornanti. La gara si conclude con una frazione di corsa in salita di 42 km, con arrivo in quota, a 3.000 metri d’altezza, da percorrere obbligatoriamente, negli ultimi 12 km, insieme al team di supporto, formato in questo caso dagli ultramaratoneti friulani Claudio Pravato e Fiorenzo Stroili.
Michele Orlando ha impiegato 18 ore ininterrotte per affrontare la competizione sportiva.
‘Icon Livigno Xtreme Triathlon – spiega Orlando – è molto più di una competizione sportiva, è una straordinaria esperienza di vita, iniziata oltre un anno fa con sedute di allenamento meticolose, affrontate però con serenità. I laghi, le colline, le montagne sono state il teatro di tante ore di allenamento. E alla fine, quella notte, all’arrivo, insieme ai miei compagni inseparabili, con il cappello d’alpino e la bandiera del mio Friuli, mi hanno permesso di coronare un’esperienza umana e sportiva indimenticabile’.

Francesca SchenettiMICHELE ORLANDO, TRIATHLETA, DOPO 18 ORE DI GARA TERMINA LA ICON LIVIGNO XTREME TRIATHLON