DESTAGIONALIZZARE L’OFFERTA TURISTICA CON I CENTRI BENESSERE NEGLI ALBERGHI. A TARVISIO LA SCELTA HA PAGATO

Di Mario Bruno
L’incremento dei servizi alberghieri ed il miglioramento delle infrastrutture non può che fare bene al fatturato di un’attività ricettiva. In special modo quando si tratta di incrementare servizi relativi al ‘benessere’, quindi: centri, piscine, saune. Con una particolare forma di remarketing è possibile aumentare e diversificare maggiormente la clientela, e recuperare talvolta quei clienti che non avevano prenotato perché ‘mancavano’ servizi considerati essenziali. Oltre che consentire una destagionalizzazione dell’offerta, in periodi di fisiologica scarsità di presenze: autunno e primavera.


L’Hotel Il Cervo a Tarvisio, con le sue 4 stelle, si conferma tra le più importanti realtà turistiche del capoluogo della Valcanale. Questo grazie anche all’introduzione , dal settembre dello scorso anno, di una zona wellness totalmente nuova e impreziosita dalla presenza di una piscina. All’interno della rinnovata zona benessere, i clienti possono utilizzare la piscina, in uno spazio di 10×5 metri nella parte per adulti, con una profondità di 1,25 metri. A lato poi trova spazio anche una piccola zona dedicata ai bambini dove l’acqua si ferma ai 60 cm.
Vito Anselmi, storico titolare del plesso: “Sin da quando ho rilevato l’albergo con un socio nel 2002, abbiamo incominciato un importante programma di riqualificazione della struttura. Poi nel 2011 sono stati fatti importanti investimenti, circa un milione di euro, che hanno consentito all’Hotel di ottenere la quarta stella. Tra questi sicuramente la piscina è quello più importante perché va a colmare un vuoto storico nel nostro territorio. Già negli anni Ottanta, quando ero sindaco di Tarvisio, si parlava costantemente di progetti per la realizzazione di una piscina comunale. Purtroppo, a causa dei costi di gestione non se ne è mai fatto nulla. E i nostri concittadini sono stati costretti per anni a dover andare in Carnia o nelle vicine Austria e Slovenia per usufruire di un simile servizio. Ora però che la nostra struttura è pienamente funzionante, i clienti, anche fra i residenti, sono molto soddisfatti di poter avere questa possibilità. Certo le dimensioni della piscina sono quelle da albergo, ma il flusso giornaliero conta una media di circa 60 persone al giorno. A dimostrazione che il servizio funziona e viene apprezzato. La piscina poi qualifica di per sé l’albergo e ci ha permesso di coprire quei buchi fisiologici delle prenotazioni in bassa stagione’.


Il centro wellness è aperto anche agli esterni all’albergo per un costo di 15 euro (10 euro per gli ospiti dell’hotel) e oltre alla piscina, mette a disposizione saune, bagno turco, massaggi e centro estetico (trattamenti viso & corpo, epilazione laser, magnetoterapia). Inoltre, l’Hotel Il Cervo dispone di oltre 200 posti letto su 76 camere, con un personale di circa 30 persone, di cui 4 dedicati al centro benessere.

RedazioneDESTAGIONALIZZARE L’OFFERTA TURISTICA CON I CENTRI BENESSERE NEGLI ALBERGHI. A TARVISIO LA SCELTA HA PAGATO