VALCANALE: CICORIE SELVATICHE IN AGRODOLCE, IL NUOVO PRODOTTO DI GIGI VERDURA

La neve sui campi lascia spazio ai primi fazzoletti di verde. L’inverno è alle spalle, benvenuta primavera. E dai prati, si alza intenso l’aroma della natura che si risveglia e ci conduce per mano verso la bella stagione. Quale momento migliore, dunque, per celebrare le erbe tipiche del periodo? Lo sa bene Luigi Faleschini, il noto “Gigi Verdura” pioniere del biologico in Valcanale, impegnato a dare vita ai primi vasetti di cicorie selvatiche in agrodolce. E queste specialità, solitamente mangiate in insalata con le “fricis” di lardo sfumate con aceto di vino e abbinate con uova sode e patate, assumono nuovi contorni tutti da scoprire.

Nel suo laboratorio di Pontebba (Ud), dove conoscenza e maestria si uniscono per far nascere dei capolavori per la vista e il palato, Gigi fonde con tocco magico Tarassaco (Taraxacum officinale) e Cicoria selvatica (Cichorium intybus). Un mix virtuoso, che racchiude in un unico contenitore di vetro le qualità delle due piante, creando un prodotto straordinario, ideale come accompagnamento a un gustoso antipasto a salumi e formaggi. Questa miscela agrodolce, senza l’utilizzo di zucchero ma con il ricorso al succo di mela sempre a firma “Gigi Verdura”, alla bontà delle due cicorie aggiunge olio extravergine d’oliva, acqua e sale marino. Il risultato finale è una bontà straordinaria, da assaporare in ogni sua sfumatura.

Non soltanto buone, ma anche sane: le cicorie selvatiche svolgono un’azione depurativa e disintossicante preziosa per l’organismo, tanto più in un momento di cambio stagione, con il salto dall’inverno alla primavera, che per il nostro fisico (nonché la mente) è sempre un passaggio non facile.

RedazioneVALCANALE: CICORIE SELVATICHE IN AGRODOLCE, IL NUOVO PRODOTTO DI GIGI VERDURA