RENZO GUERRA, UOMO DEL FARE E POCO DEL DIRE

Renzo Guerra. Uomo del fare e poco del dire. Low profile. Accetta con ottimismo le sfide che il mercato, delle nuove tecnologie digitali applicate, propone. ‘Preferisco, finito il lavoro, fare due tiri a basket, piuttosto che partecipare ad un convegno. Frequento poco Confindustria. Insomma, sono concentrato a lavorare ed a godermi a mia famiglia e il mio tempo libero. Leggo tutte le mattine diversi quotidiani, fra cui la Gazzetta dello Sport’.

Classe 1958, fonda la sua Asem (con sede ad Artegna (Udine), di cui è presidente ed amministratore delegato) quando aveva appena 21 anni. Il core business è, sin dall’inizio, nell’automazione industriale.

‘Arrivammo a 100 miliardi di lire di fatturato partendo da zero. In un tempo relativamente breve. Oggi fatturiamo 40 milioni, e lavorano per noi 200 persone’. Unici nel loro settore: Asem (Automazione sistemi elettronici microcomputer) – nasce come azienda di engineering specializzata nella progettazione e produzione di sistemi di automazione industriale con tecnologia a microprocessore.

L’azienda entra poi nel mercato dell’information technology progettando e producendo interfacce ed accessori per personal computer. E’ stata l’unica impresa italiana, oltre all’Olivetti, a progettare e produrre Pc Ms/Dos compatibili, raggiungendo alla fine degli anni Ottanta una quota del 6% del mercato italiano dei Pc.

Nella prima metà degli anni Novanta, per prima in Italia, Asem ha progettato e prodotto Pc industriali, orientati in particolare al mercato dell’automazione industriale.

‘Siamo unici – spiega Guerra – e non lo dico tanto per dire. Produciamo tutto al nostro interno. Con una attenzione alla qualità ed al dettaglio davvero notevole. Il mercato offre opportunità crescenti: automatizzare i processi crea competitività. In special modo nel settore manifatturiero, ma come in ogni ambito’. Grado di innovazione, prezzo e flessibilità: ecco gli ingredienti di Asem.

RedazioneRENZO GUERRA, UOMO DEL FARE E POCO DEL DIRE