VITO ANSELMI (HOTEL IL CERVO): “TANTA AMAREZZA PER AVER PERSO EIN PROSIT”

“La delusione per aver perso un evento concepito e nato in Valcanale è forte. Anche perché nessuno ci ha detto come sono andate davvero le cose”. Vito Anselmi, albergatore di Tarvisio e titolare dell’hotel Il Cervo, non nasconde l’amarezza per lo spostamento di Ein Prosit dalla Valcanale a Udine. Anselmi fa parte del Consorzio per i Servizi Turistici del Tarvisiano “e come socio – aggiunge – sono ancora in attesa, al pari di altri, di ricevere notizie sui motivi di questo trasferimento. Il dispiacere, in ogni caso, resta: una kermesse di questa portata avrebbe fatto del bene più a Tarvisio e limitrofi che non a Udine, dove ci sono già molti appuntamenti di rilievo”.

Nessuna ‘gelosia’ contro il capoluogo friulano, però: “Noi, anche come consorziati, auspichiamo il successo di Ein Prosit anche in location diverse e di prestigio come quelle udinesi, sperando che l’evento abbia dato una bella immagine di sé e che tutto sia filato liscio. Tarvisio ha esportato un prodotto eccezionale, peccato non sia rimasto qui: evidentemente non c’erano alternative”. Anselmi si è ‘consolato’ con una delle tre anteprime all’evento svolte in Valcanale e ha ospitato in una riuscitissima serata l’amico Giancarlo Toso, autentico mago della brace, nel suo locale La Cantina di Epicuro annessa all’Hotel Il Cervo.

Da albergatore, però, non nasconde che una penalizzazione ci sia stata: “Per quanto mi riguarda – conclude Anselmi – si è verificato un danno a livello di ricettività. Negli altri anni, quando la manifestazione era ancora qui, il mio hotel era sempre pieno. Quest’anno non è andata così. Non credo proprio sia un caso”.

RedazioneVITO ANSELMI (HOTEL IL CERVO): “TANTA AMAREZZA PER AVER PERSO EIN PROSIT”