CREDIFRIULI-ADVAN, UN GENTLEMEN’S AGREEMENT IN MONTAGNA

Le aziende, in montagna tanto quanto in città, hanno bisogno di poter contare sulle banche per i loro investimenti. E gli istituti di credito, a loro volta, sono pronti a scendere in campo quando intravedono idee imprenditoriali vincenti.

Due mondi che, negli scorsi giorni si sono incontrati ad Amaro per confrontarsi su sviluppo e potenzialità del territorio montano, ma non soltanto. Mario Zearo, presidente e fondatore di Advan Srl, la società fondata nel febbraio 2018 e attiva nello sviluppo dell’implantologia integrata al flusso digitale in campo dentale, ha accolto nel suo quartier generale nella zona industriale amarese Massimiliano Cecotto, direttore commerciale di Credifriuli, una realtà sempre attiva nel sostegno alle imprese regionali, ma anche alle famiglie. La banca gestisce 1,4 miliardi di risparmi dei friulani e presta al territorio 800 milioni di euro. Insieme, Zearo e Cecotto hanno parlato di prospettive: Advan Srl, impresa che si sta facendo largo nel mondo grazie all’ottimo rapporto qualità/prezzo dei suoi prodotti, è pronta a investire nella costruzione del suo nuovo stabilimento, sempre nella zona industriale di Amaro. Qui, continuerà nella sua opera di ricerca e sviluppo, ampliando ulteriormente un catalogo di prodotti valido e apprezzato non soltanto in Italia, dove ha di recente depositato due brevetti, ma anche all’estero. Zearo ha fatto “toccare con mano” a Cecotto come vengono concepiti e poi realizzati i prodotti di Advan Srl, mostrandogli gli uffici e spiegandogli il ciclo produttivo alla base di questa impresa.
Per Credifriuli, la montagna rimane un punto di riferimento grazie al know how maturato da aziende eccellenti, come quelle presenti nella zona industriale di Amaro gestita dal Carnia Industrial Park. Imprese di grande qualità che la banca è pronta a sostenere, mostrando grande attenzione per il “suo” territorio. Perché da questo gioco di squadra possono nascere idee e progetti vincenti.

RedazioneCREDIFRIULI-ADVAN, UN GENTLEMEN’S AGREEMENT IN MONTAGNA