DA MILANO, CAUTERO: ‘TORNEREMO PIU’ FORTI DI PRIMA’

‘Qui a Milano abbiamo vissuto gli anni di piombo, la strage di piazza Fontana; il Coronavirus è un nuovo ostacolo a cui però possiamo e dobbiamo fare fronte’.
A parlare è Gunnar Cautero, friulano di nascita, titolare dell’Osteria della Stazione, locale rinomato, e riconosciuto fra i migliori di Milano, dove si servono solo piatti tipici friulani. Frequentatissimo, anche e soprattutto dai milanesi, aperto dal 2012, in via Dei Popoli Uniti, non lontano dalla Stazione Centrale.

‘Abbiamo chiuso la cler, è per un periodo, lo sappiamo e questo non ci spaventa – spiega Cautero, ormai noto nella città meneghina, chiamato ultimamente a portare la sua testimonianza anche da Skytg24, in merito agli effetti economici del Coronavirus sulla città – ci sono stati altri momenti particolarmente difficili: l’attentato di piazza Fontana, i terribili anni di Piombo, supereremo anche questa. Allora la ‘guerra’ era con le armi, oggi, dobbiamo fare fronte rispettando ciò che ci viene chiesto di fare. Siamo chiamati ad un comportamento responsabile: penso che in certo modo siamo chiamati a ridare a Milano ciò che la città ci ha ‘regalato’ fino ad oggi. Milano offre lavoro, entusiasmo, voglia di fare. Avevamo preparato dieci kg di frico da servire nel nostro locale. Lo ho regalato ad amici. Torneremo a presto a sederci ai tavoli. Dobbiamo portare pazienza ed avere fiducia. Torneremo più forti di prima’.

RedazioneDA MILANO, CAUTERO: ‘TORNEREMO PIU’ FORTI DI PRIMA’